5′ di lettura

Siete in partenza per le vacanze con il cane o state tornando a casa dopo le ferie? Viaggiate in treno con il vostro cane e cercate consigli per rendere confortevole il viaggio anche per Fido? Ecco alcuni suggerimenti utili da parte del team di Amico Quattro Zampe. Un viaggio in treno, in aereo o in nave può essere fonte di stress per il vostro cane. Trovarsi per alcune ore in un ambiente sconosciuto e senza la possibilità di correre e annusare liberamente sicuramente può risultare spiacevole per lui. Scopri con noi come preservare comunque la salute e il benessere del tuo animale domestico!

Devo sempre pagare il biglietto o un sovrapprezzo per il trasporto del cane? In realtà no! Nel nostro Paese si possono trasportare gratuitamente animali domestici nella prima e nella seconda classe di qualsiasi categoria di treni.

Ovviamente, vanno rispettate alcune regole. Il cane, se di piccola taglia, deve stare in un trasportino omologato di dimensioni non superiori a 70x30x50. Inoltre, il trasportino deve evitare di arrecare danni sia ai viaggiatori che al mezzo con cui si viaggia. Ogni viaggiatore può trasportare un solo contenitore.

I regolamenti variano a seconda del tipo di treno. In alcuni treni poco spaziosi, come i pendolini, si può viaggiare solo con cani di piccola taglia. Alcuni Eurostar invece limitano l’accesso ai soli cani guida per i non-vedenti, che viaggiano gratis su tutti i treni. Prima di partire, organizzate il viaggio consultando il sito di Trenitalia.

Come abituare il cane al treno

Come dicevamo, un viaggio in treno può essere sfiancante per un cane. Va dunque abituato l’animale a quest’esperienza, per renderla meno stressante possibile. Viaggiate sempre accanto al vostro cane e portate con voi alcuni dei suoi oggetti preferiti, come, la sua coperta, i suoi giochi e pupazzi. Riuscirete così a distrarlo dall’eventuale stress del viaggio e ad attenuarne il nervosismo.

Come far fare i bisogni al cane in un viaggio in treno

Che sia un viaggio più o meno lungo, per permettere al cane di fare i suoi bisogni portate sempre con voi il kit apposito e cercate di scendere ad una delle fermate per farlo liberare.

Documenti da esibire ed eventuali multe

Per poter viaggiare in treno con il cane occorre esibire il certificato di iscrizione all’anagrafe canina. Senza questo documento si viene multati di 8,00 euro e obbligati a scendere alla prima stazione a cui ferma il treno. Tale regolamento non vale per i cani guida per non-vedenti.

Gli animali ammessi nelle carrozze non possono occupare il posto riservato ai viaggiatori e se sono causa di danno o disturbo dovranno occupare un altro posto di viaggio oppure scendere dal treno.

Trasportini di dimensioni superiori a quelle dei contenitori omologati oppure la mancanza di biglietto per il cane comportano il pagamento di una penalità oppure di una sopratassa.

Il regolamento delle Ferrovie dello Stato

I treni Intercity, Intercity notte ed Espressi permettono di trasportare un solo cane, di qualsiasi taglia e provvisto di guinzaglio e museruola. È possibile viaggiare con l’animale sia in prima che in seconda classe e il biglietto per l’animale è valido solo insieme al biglietto dell’accompagnatore.

Se si vuole viaggiare con cuccette, vetture comfort, vagoni letto, vetture Excelsior ed Excelsior 4 occorre acquistare l’intero compartimento. Fuori da esso è obbligatorio tenere il cane munito con museruola e guinzaglio.

I cani di taglia media e grande in treno

Anche i cani di taglia medio-grande possono viaggiare sul treno, ma solo con l’obbligo della museruola e del guinzaglio. Verranno sistemati nell’ultimo scompartimento dell’ultima carrozza di seconda classe.

L’importanza dell’assicurazione per animali prima di partire

Per qualsiasi viaggio l’assicurazione per animali stipulata prima della partenza è molto importante. L’assicurazione per cani copre e rimborsa i danni di Responsabilità Civile provocati a terzi, come la morte, il ferimento o altre lesioni personali e i danni riportati dalle cose. Altre coperture assicurative integrative garantiscono l’assistenza sanitaria nel caso in cui l’animale abbia bisogno di cure ed il rimborso delle spese veterinarie. Potete anche integrare l’offerta con il servizio di ricerca dell’animale in caso di smarrimento.

Buon viaggio!

.