5′ di lettura

Il tuo cane piange? Come interpretare questa situazione? Ricorda innanzitutto che il pianto del cane non può essere letto come un modo di esprimere il proprio stato emotivo. I cani infatti non versano lacrime. Piuttosto frequentemente invece emettono gemiti o lamenti. Per aiutarti a fare chiarezza su come interpretare questi segni, ecco una breve guida.

No, come dicevamo non versano vere e proprie lacrime, ma guaiscono. Questi suoni vengono prodotti per comunicare il desiderio del cane di mangiare, di bere o semplicemente per richiamare l’attenzione del proprietario.

Avrete sicuramente notato che i lamenti dei cani adulti somigliano a quelli dei cuccioli che chiamano la madre. Stanno richiamando la vostra attenzione allo stesso modo. Sono sempre capricciosi? No, a volte le esigenze del cane sono più gravi.
Nei cani più anziani, infatti, il guaito simile al pianto può essere sintomo di un deterioramento cognitivo.
Demenza, disorientamento e ansia possono essere le ragioni per cui il tuo cane si lamenta, latra e ulula.

Un altro elemento alla base del malessere del cane può essere l’ansia da separazione. Un cane che viene lasciato spesso da solo, anche se è un cane d’appartamento, può sfogare la sua solitudine con un pianto incessante. Se siete in partenza per le vacanze e non potete portare il cucciolone con voi, scegliete quindi con oculatezza un dogsitter o una pensione per animali per alleviare questo stress.

cane triste che guaisce e piange con muso sul pavimento

Perchè il mio cane piange? Come farlo smettere?

La prima mossa indispensabile, se il pianto diventa abituale, è quella di rivolgersi ad un veterinario per accertarsi che l’animale non soffra di patologie come il deterioramento cognitivo o altre fonti di dolore fisico. Se non ci sono cause organiche della malattia o altri fattori fisici che giustifichino l’alterazione del comportamento si può cercare di intervenire sul suo umore. Segui la nostra guida per gestire l’ansia da separazione.
Si può chiedere anche la consulenza di un addestratore o di un veterinario comportamentalista. Questo tipo di cura rientra tra quelle coperte dall’assicurazione per animali.

I cani sono sensibili?

Si dice spesso che i cani capiscano perfettamente quando il loro padrone è triste. Il vostro cucciolo vi dimostra amore e affetto con delicatezza e comprensione. Quando siete tristi il cane vi rimane accanto emodifica il suo comportamento fino ad ignorare i propri giocattoli o perfino il cibo.

Avrete sicuramente notato che quando siete in preda allo sconforto, il vostro cane si ferma ad osservarvi con attenzione. Se prima vi studia da lontano, dopo si avvicina e cerca il contatto fisico. Alcuni cani provano addirittura ad asciugare le lacrime del padrone. Per un cane, voi padroni siete il centro del suo mondo.

Come reagiscono i cuccioli al pianto del padrone

Le ricerche hanno dimostrati che i cani tendono ad avvicinarsi alle persone che piangono con un atteggiamento sottomesso. Secondo gli scienziati, cercano di consolare le persone, allo stesso modo sia che si tratti del proprietario sia che si tratti di uno sconosciuto.

Se però a piangere siete voi il vostro cucciolo farà di tutto per confortarvi. Molti si meravigliano della capacità quasi telepatica del cane di intuire le vostre intenzioni. Non a caso, è considerato un animale estremamente intelligente. Ad esempio, sa che state per fargli il bagno anche se non avete ancora aperto il rubinetto o preso il suo asciugamano, volete tosarlo o state per dargli le medicine.

Alcuni studiosi hanno ipotizzato e dimostrato che i cani domestici sono intelligenti come bambini di due anni. Capiscono dunque il significato di circa 165 parole e sanno decifrare il linguaggio corporale delle persone. Per capirvi i cani ricorrono al contatto visivo e agli sguardi.