7′ di lettura

Eccoci arrivati finalmente! Dopo esserci dedicati all’organizzazione, alla scelta del mezzo con cui viaggiare (treno, auto, aereo, nave) e dopo aver stipulato un’assicurazione per animali siamo finalmente in vacanza con il nostro cane. Come comportarsi però in spiaggia? Ecco alcuni utili consigli!

Prima di portare al mare il nostro cagnone amatissimo, informiamoci sulle restrizioni! Sono presenti infatti anche nelle spiagge libere. Per ricevere informazioni corrette chiamate il Comune e fate attenzione ai cartelli di divieto. Documentiamoci anche su quali sono i bagni privati in cui sono ammessi cani, in un’area dedicata. In Italia sono molto diffuse le Bau Beach, anche con servizi a cinque stelle.

Non dimentichiamoci poi che in spiaggia i cani devono rispettare le stesse regole di sempre. Il cane deve stare al guinzaglio nelle spiagge in cui non è possibile lasciarlo in libertà e il suo proprietario deve sempre portare con sè museruola e occorrente per raccogliere i bisogni.

È importante ricordare che si è sempre responsabili della condotta del proprio cane. Anche in spiaggia va quindi gestito nel rispetto degli altri bagnanti.

Cani in spiaggia: quali orari scegliere

Tutti al mare! Quando portiamo i nostri cani in spiaggia ricordiamoci di verificare orari e modalità di ingresso per evitare spiacevoli sorprese. Quali sono gli orari migliori? In linea generale, mattino e sera sono i momenti migliori per far giocare il proprio cucciolo in spiaggia indisturbato. Ovviamente la piena libertà deve seguire il regolamento della spiaggia e del Comune. Attenzione al solleone! Durante il giorno il cane va tenuto a riparo dal sole sotto l’ombrellone. Negli stabilimenti balneari più attrezzati ci sono aree protette con acqua, pappa, docce e ogni comfort! Soprattutto i cani anziani devono rimanere all’ombra nelle ore più calde.
Non dimenticate di portare anche acqua fresca e una ciotola pieghevole per mantenerli ben idratati!

Come far fare il bagno in mare al cane

Possiamo far fare il bagno in mare al cane? Sì! Molte razze di cani amano profondamente nuotare! Ricordiamoci però che spesso i cani hanno una fisiologia diversa dalla nostra, con tempi di digestione più lunghi. Come i vostri cuccioli umani, anche quelli pelosi non devono fare il bagno subito dopo mangiato!
E dopo la nuotata in mare non possiamo certo tralasciare una bella doccia abbondante con acqua dolce per il nostro cagnolino! I nostri cuccioli sono molto delicati: eliminare accuratamente salsedine, sabbia e altro previene problemi cutanei e allevia la sete del cane. Attenzione all’acqua salata! Se ingerita può provocare problemi all’apparato digerente ed il sale dell’acqua di mare può causare fastidio alla pelle e sotto le zampe e se rimane tra i peli del cane dopo che l’acqua evapora, delle dermatiti.
Ma davvero tutti i cani sanno nuotare? In realtà non sempre. Se notate che il vostro cagnolino è un po’ in difficoltà non privatelo però di un bel bagno rinfrescante! Nei negozi per animali meglio forniti è possibile acquistare giubbotti salvagenti per cani progettati per farli giocare in libertà. In ogni caso è bene rispettare sempre le esigenze ed i tempi del cane. Se non ha mai visto il mare o non è abituato all’acqua, lasciatelo approcciare senza forzature e spaventi.

Ecco un buffissimo video di cani che nuotano per rallegrare la tua estate!

Il sole fa male ai cani? Come proteggerli

Il sole fa male al cane? Sì, come dicevamo sono animali molto delicati. Prima di andare a giocare e correre in spiaggia provvedete a proteggere il cane dal sole. Tenetelo dunque nelle aree dedicate o sotto l’ombrellone e procurate al vostro amico a quattro zampe acqua fresca in abbondanza.

In estate sono infatti molto pericolosi i colpi di calore per i cani. Questi animali non riescono ad espellere il calore in eccesso attraverso il sudore, quindi per mantenere la giusta temperatura aumentano la frequenza respiratoria. Quindi più fa caldo, più ansimano, con un conseguente aumento della frequenza cardiaca.

I cani possono scottarsi? Sì, anche i cani devono fare attenzione alle scottature! L’esposizione ai raggi UVA può essere pericolosa anche per loro. Cani con mantelli chiari o pelo raso sono più vulnerabili. Le zone senza peli (naso, orecchie, muso) sono molto esposte e vanno protette con apposite creme solari.

Come proteggere il cane dalla sabbia rovente

La sabbia rovente può causare scottature ai polpastrelli e alle zampe del cane. La sabbia inoltre è molto pericolosa se ingerita o se penetra negli occhi e nelle orecchie, che sono aree sensibili. Portate dunque un telo solo per lui e dedicatevi ad una pulizia attenta del suo corpo e del suo muso a fine giornata.

Come prevenire colpi di calore al cane

In estate dunque massima attenzione! Una lunga sosta in auto sotto il sole o prolungati sforzi con il caldo possono essere fatali per il vostro cucciolo. Come raffreddarlo? Se lo vedete molto affaticato mettetegli addosso panni bagnati con acqua fredda. La rapida evaporazione sottrae calore al corpo.
Ricordati però di rinfrescarlo senza utilizzare ghiaccio! Raffreddare il corpicino del vostro peloso troppo velocemente potrebbe causare scompensi cardiaci e shock cardiocircolatori.

Se sospetti un colpo di calore corri dal veterinario!

Il decalogo del cane in spiaggia secondo OIPA

L’Organizzazione Italiana Protezione Animali ha stilato una lista di dieci regole da seguire per far passare anche al vostro cagnolone un’estate in spiaggia divertente e serena. Ricordati però sempre che la regola più importante è quella di non forzare il cane. Potrebbe infatti non amare il mare: troppe persone, mancanza di spazi adeguati, altri cani, paura dell’acqua. Per evitare inutili stress o traumi valutate una pensione per animali.

Vi proponiamo il decalogo augurandovi buone vacanze!

Decalogo OIPA del cane in spiaggia